Mafia: rientra in Italia il boss Gammino, uno dei latitanti più pericolosi

L’uomo era evaso da Rebibbia nel 2002, durante le riprese di un film

Rientra in Italia Gioacchino Gammino, boss mafioso della “Stidda” e considerato uno dei 20 latitanti più pericolosi.
La Spagna ha dato il via libera all’esecuzione del mandato di arresto europeo, emesso il 29 maggio 2014 dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Agrigento.
Lo comunica il ministero della Giustizia precisando che la consegna di Gammino, latitante da 20 anni, in seguito a evasione dal carcere, “è frutto di proficua e intensa cooperazione tra autorità giudiziarie e centrali, avvenuta in tempi celeri”.
Il rientro in Italia di Gammino è previsto per domani a Fiumicino.

Evaso da Rebibbia durante le riprese di un film

Arrestato l’11 febbraio 1999 veniva estradato in Italia presso la casa circondariale di Rebibbia dalla quale evase nel giugno del 2002 mentre giravano alcune scene di un film con l’attrice Vittoria Belvedere. Durante le riprese, un detenuto si arrampicava su un muro, e urlando mentre gli agenti cercavano di farlo scendere, aveva creato un’azione diversiva che permetteva a Gammino di evadere confondendosi con il flusso delle persone che facevano visita ai parenti detenuti.

CONDIVIDI
fivedabliu.it - testata digitale di notizie, cronaca e libera informazione - icona

Redazione del quotidiano digitale di libera informazione, cronaca e notizie in diretta