Certosa in rivolta, i comitati a Rfi: “Bisogna essere seri e dare risposte ai cittadini preoccupati”

Una vita tra cantieri e serrande abbassate. Il quartiere della Valpolcevera ora ha perso la pazienza: anche noi meritiamo dignità

Genova – Erano qualche centinaio i residenti di Certosa che stamattina sono scesi in piazza per manifestare il loro disagio e le loro perplessità per i progetti delle due grandi infrastrutture che stanno tenendo in scacco il quartiere, e parliamo dei cantieri per il prolungamento della metropolitana e per l’adeguamento della linea merci porto-bivio Fegino.
Preoccupati per le polveri, per il rumore, per le vibrazioni e per i convogli di merci pericolose che passeranno sotto alle case, oggi hanno lanciato un messaggio alle istituzioni e a Rfi: la pazienza è finita e il quartiere non ce la fa più. Ora vuole delle  risposte.
Lo sottolinea il presidente del Comitato Liberi Cittadini di Certosa, Enrico D’Agostino, che ha organizzato il corteo di oggi e che ribadisce: “La gente è molto arrabbiata e noi facciamo fatica a tenerli perché nessuno ci dà spiegazione. E invece bisognerebbe essere seri quando si hanno davanti dei cittadini preoccupati, bisognerebbe saper rispondere per tranquillizzarli”.

Enrico D’Agostino e Guido Fassio

st

CONDIVIDI

Sono una giornalista con il pallino dell’ambiente e mi piace pensare che l’informazione onesta possa risvegliarci da questa anestesia collettiva che permette a mafiosi e faccendieri di arricchirsi sulle spalle del territorio e della salute dei cittadini.