Processo all’editore Ciancio, depongono Claudio Fava e Nando Dalla Chiesa

Il punto sui necrologi che il quotidiano La Sicilia rifiutò di pubblicare perchè parlavano di mafia

Catania – Claudio Fava e Nando Dalla Chiesa hanno deposto oggi al processo all’editore e imprenditore Mario Ciancio Sanfilippo, impostato per concorso esterno in associazione mafiosa. A citarli come testimoni è stato l’avvocato di parte civile Goffredo D’Antona legale della famiglia di Beppe Montana, il commissario di polizia ucciso dalla mafia il 28 luglio 1985.

L’udienza si è aperta con l’audizione dell’ex presidente della Regione siciliana, Raffaele Lombardo, citato dalla Procura, che in qualità di imputato di reato connesso, si è avvalso della facoltà di non rispondere.
Claudio Fava ha invece ricordato alcuni episodi collegati all’uccisione del padre, il giornalista Pippo Fava, assassinato dalla mafia il 5 gennaio del 1984 a Catania. “Nel 1986 – ha detto tra l’altro – il necrologio da pubblicare sul giornale La Sicilia fu accettato con riserva dall’ufficio pubblicità del quotidiano, per disposizione della direzione, perchè nel testo c’era scritto che mio padre era stato ucciso dalla mafia”.
Dopo che uscì sulle agenzie di stampa la nota di protesta del periodico ‘I siciliani’ la famiglia Fava ricevette una “telefonata di scuse dal direttore della pubblicità con l’annuncio che avrebbero pubblicato il necrologio gratuito con il testo integrale. Cosa che, ha aggiunto Fava, avvenne. Tra i ricordi sul quotidiano, Fava ha citato anche altri due episodi: “La pubblicazione dell’annuncio della collaborazione di Luciano Grasso anticipato da La Sicilia, compreso l’indirizzo di casa”. Articolo che il ‘pentito’ ha mostrato prima dell’interrogatorio al Pm che era andato a sentirlo.
Il presidente regionale dell’antimafia ha riferito anche di quando La Sicilia pubblicò un pezzo su Maurizio Avola, “nuovo pentito che stava per parlare dei delitti Fava e Dalla Chiesa”. Ma del generale non poteva sapere perchè all’epoca dei fatti non era ancora uomo di Cosa Nostra e questo lo screditava anche sulla sua ricostruzione del delitto Fava.
L’avvocato Carmelo Peluso, del collegio di difesa di Mario Ciancio, ha ricordato che Giuseppe Fava aveva fatto dei reportage per il quotidiano e che aveva pubblicato un libro, “Processo alla Sicilia” edito dalla Ites, di proprietà dell’editore catanese. Il penalista ha anche citato un articolo pubblicato da La Sicilia il 7 gennaio del 1984, tre giorni dopo il delitto del giornalista, intitolato “I veri mafiosi sono quelli che non uccidono: la testimonianza spirituale di Giuseppe Fava”.

Nando Dalla Chiesa, figlio del generale dei carabinieri Carlo Alberto Dalla Chiesa, ucciso a Palermo il 3 settembre 1982 insieme con la moglie Emanuela Setti Carraro e con l’agente di scorta Domenico Russo, ha confermato che il padre aveva chiesto a “un amico catanese” notizie sulla situazione nel capoluogo etneo. E di avere appreso, durante una manifestazione pubblica, che il necrologio della famiglia di Beppe Montana era stato rifiutato da La Sicilia, perchè conteneva la parola mafia.

L’udienza è poi stata aggiornata al prossimo 28 aprile. Previste le audizioni del giornalista Sigfrido Ranucci e del pentito Giuseppe Raffa.

CONDIVIDI
fivedabliu.it - testata digitale di notizie, cronaca e libera informazione - icona

Redazione del quotidiano digitale di libera informazione, cronaca e notizie in diretta