Guerra in Ucraina, Agostini: “Politici in piazza contro la guerra e poi votano per consegnare Kalashnikov”

Genova – Sono giorni che l’Italia scende in piazza per manifestare contro la guerra e poi il Cdm vota all’unanimità la consegna di armamenti all’esercito di Kiev.
“La cosa più tremenda – denuncia Andrea Agostini, storico ambientalista genovese che ha partecipato a tutte le proteste contro la guerra in Ucraina – è che alcune delle persone che erano in piazza e che fanno parte di alcuni partiti, hanno votato a favore della distribuzione delle armi. Non pane o vestiti per la gente ma missili per ammazzare la gente”.
E questo è il punto: “Come si fa a fare la manifestazione per la pace e poi distribuire le kalashnikov?” dice Agostini che poi, quando gli chiediamo perchè di Legambiente a manifestare c’è solo lui, si schernisce e preferisce non rispondere. “Chiedetelo a loro”, replica.
Certo è una cosa che fa riflettere, soprattutto alla luce delle sue dimissioni di oggi dal circolo genovese che ha fondato negli anni ’80.

st

CONDIVIDI

Sono una giornalista con il pallino dell’ambiente e mi piace pensare che l’informazione onesta possa risvegliarci da questa anestesia collettiva che permette a mafiosi e faccendieri di arricchirsi sulle spalle del territorio e della salute dei cittadini.