Milano, violenze sessuali sulle allieve minorenni: in manette il presidente di un maneggio

Deteneva illegalmente anche armi e munizioni

Milano – La Polizia di Stato, al termine di un’attività investigativa coordinata dalla Procura della Repubblica di Milano, ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari nei confronti di un cittadino italiano di 71 anni ritenuto responsabile di violenze sessuali ai danni di alcune allieve minorenni del centro di equitazione di cui è presidente.

Le indagini svolte dagli agenti del Commissariato Monforte Vittoria hanno evidenziato come l’uomo, approfittando del proprio ruolo e con abuso di autorità, compisse atti sessuali in danno di alcune allieve con baci e palpeggiamenti. In particolare, in una circostanza, avrebbe costretto una ragazzina minorenne a masturbarlo.

Il 71enne fermato presso il maneggio della “Cascina Saresina” a Pioltello (MI), è stato indagato anche per i reati di detenzione abusiva di armi e detenzione di armi clandestine in quanto, nel corso della perquisizione, i poliziotti hanno rinvenuto e sequestrato, nella sua proprietà e presso un domicilio fuori regione, cinque armi e numerose munizioni non regolarmente detenute e denunciate.

CONDIVIDI
fivedabliu.it - testata digitale di notizie, cronaca e libera informazione - icona

Redazione del quotidiano digitale di libera informazione, cronaca e notizie in diretta