Terzo Valico, Voltri-Brignole e Genova-Campasso: “per favorire il monitoraggio” la Corte dei Conti chiede “un quadro finanziario chiaro e aggiornato”

È uscito oggi il “Rapporto semplificato sullo stato di realizzazione delle infrastrutture strategiche di interesse nazionale”

Roma – La fattibilità e la concreta esecuzione del Programma delle infrastrutture strategiche (Pis) sono state condizionate dal ritardo nell’attuazione e dalla scarsezza delle risorse finanziarie, a fronte di un complesso di interventi, negli anni 2002-2014, in continuo aumento.

È quanto emerge dal Rapporto semplificato sullo stato di realizzazione delle infrastrutture strategiche di interesse nazionale, approvato con Delibera n. 6/2022/G dalla Sezione centrale controllo sulla gestione delle amministrazioni dello Stato della Corte dei conti.
La magistratura contabile ha evidenziato l’esigenza, anche in virtù delle risorse derivanti dal PNRR, di implementare le iniziative per la razionalizzazione, la maggiore efficacia della programmazione e l’individuazione degli interventi infrastrutturali prioritari per lo sviluppo del Paese, in coerenza con le risorse finanziarie disponibili e i relativi cronoprogrammi.

La Corte, riaffermando la necessità di iniziative strutturate a garanzia del raccordo fra i soggetti coinvolti nelle fasi di programmazione, realizzazione e monitoraggio delle opere, ha sollecitato la piena attuazione di quanto previsto dal Codice dei contratti pubblici sugli strumenti pianificatori e di programmazione, con l’inserimento – nel piano generale dei trasporti e della logistica, e nel primo documento pluriennale di pianificazione – delle infrastrutture e degli insediamenti prioritari.

È necessario – proseguono i giudici contabili – che il Ministero dell’economia e finanze, d’intesa con il Ministero delle infrastrutture e mobilità sostenibili, verifichi la possibilità di individuare uno specifico piano gestionale all’interno dei capitoli interessati, con i dati contabili relativi ad ognuno degli interventi previsti per l’alta velocità Brescia-Verona-Padova, il Progetto unico linea ferroviaria AV/AC Milano-Genova III Valico dei Giovi, e il potenziamento infrastrutturale Voltri-Brignole e Genova-Campasso.
L’obiettivo – specifica la Corte – è giungere a un quadro finanziario chiaro e aggiornato di ciascun intervento, per favorire il monitoraggio su risorse stanziate e pagamenti effettuati, anche al fine di agevolare il controllo da parte degli organi preposti.

Quanto, infine, all’intervento sulla trasversale nord Orte-Viterbo-Civitavecchia – s.s. 675 Umbro-Laziale – tratta Monte Romano Est – Civitavecchia, si è richiamata la necessità di iniziative, da parte della struttura commissariale, per la definizione della progettazione, l’avvio dei lavori ed il pieno utilizzo dei finanziamenti disponibili, al fine del perseguimento degli obiettivi, nel rispetto dei tempi programmati, da dettagliare in un cronoprogramma per il controllo della Corte dei conti.

CONDIVIDI
fivedabliu.it - testata digitale di notizie, cronaca e libera informazione - icona

Redazione del quotidiano digitale di libera informazione, cronaca e notizie in diretta