Evade in manette dal tribunale di Brescia, stavano per processarlo per direttissima. Ricerche senza esito

Pare che abbia passato la notte nello scantinato di un palazzo a pochi chilometri dal palazzo di giustizia

Brescia – Stanno proseguendo, ma fin qui non hanno dato esito positivo, le ricerche del 29enne nordafricano che ieri è scappato dal tribunale di Brescia prima di essere processato per direttissima.
Avrebbe passato la notte nello scantinato di una palazzina che si affaccia su un parco pubblico nel quartiere Brescia 2, a pochi chilometri dallo stesso tribunale.
Un agente di Polizia penitenziaria lo ha incrociato stamattina, lo ha fotografato e inseguito ma non è riuscito a bloccarlo. L’uomo è senza cellulare e chi indaga esclude che possa essere armato. Il 29enne, che era stato arrestato la sera prima per spaccio di droga, è sfuggito agli agenti della Polizia locale di Brescia e con le manette è scappato scavalcando il muro del parcheggio interno del Palagiustizia.
Subito dopo la fuga era stato avvistato con ancora le manette ai polsi. Sarebbe dunque rimasto in zona per tutto il giorno e la notte. La Polizia locale e gli uomini della questura lo stanno ancora cercando.

CONDIVIDI
fivedabliu.it - testata digitale di notizie, cronaca e libera informazione - icona

Redazione del quotidiano digitale di libera informazione, cronaca e notizie in diretta