Influencer di Camorra: i clan 2.0 puntano alla fama sui social

Lo farebbero “per diffondere ed esaltare la reputazione criminale”. Lo dice l’ultima relazione della Dia al Parlamento

Non solo altarini e murales per gli affiliati uccisi. La camorra usa sempre più spesso “i social network per condividere messaggi testuali e audiovisivi di esplicita ispirazione mafiosa”. E lo fa per rafforzare il suo brand.
Il dato è sottolineato nell’ultima Relazione della Direzione Investigativa Antimafia che rileva quanto “è forte il rischio che l’identità mafiosa possa prendere il sopravvento” e influenzare le giovani generazioni “anche attraverso la credibilità e l’autorevolezza di un profilo social che esalta e diffonde la reputazione criminale di chi possiede uno status di uomo di camorra”.

I clan 2.0, insomma, si adeguano ai tempi e usano la leva dei social per diffondere i “valori della mafia” e aumentarne affiliati e follower. Attraverso i post e le fanpage su Facebook, i video su Tik-Tok e le stories su Instagram, “gli affiliati alle organizzazioni criminali ostentano l’appartenenza al gruppo e commentano le azioni di fuoco”. E così “l’esaltazione del potere criminale del proprio clan” fornisce il manifesto malavitoso “con cui la camorra tenta di imporre la propria affermazione sul territorio”.

st

CONDIVIDI

Sono una giornalista con il pallino dell’ambiente e mi piace pensare che l’informazione onesta possa risvegliarci da questa anestesia collettiva che permette a mafiosi e faccendieri di arricchirsi sulle spalle del territorio e della salute dei cittadini.