Cantieri edili, Fillea Cgil: “Sopra i 35 gradi è obbligatorio diminuire i ritmi”

Vanno adottate tutte le misure a disposizione quali acqua fresca potabile, sali minerali e spazi idonei freschi dove poter rifiatare e consumare il pasto

Genova – La Fillea Cgil della Liguria lancia un appello per alzare il livello di guardia nei cantieri edili diffusi sull’intero territorio ligure.
Quello dell’emergenza caldo, come sottolineato recentemente anche dalla Fillea spezzina, è un pericolo che impatta sul tema sicurezza e che non va assolutamente sottovalutato.
La normativa e le responsabilità al riguardo sono disciplinate dal Decreto 81 testo unico sulla sicurezza art. 7 ed estremamente chiare: sopra la soglia dei 35 gradi bisogna ridurre con pause, specie nelle gallerie, o sospendere i lavori attivando la cosiddetta cassa integrazione per eventi atmosferici come nel caso di pioggia.
Vanno adottate tutte le misure a disposizione quali acqua fresca potabile, sali minerali e spazi idonei freschi dove poter rifiatare e consumare il pasto.
Chiediamo ai tecnici delle scuole edili e ai rappresentanti territoriali della sicurezza una campagna di sensibilizzazione alle maestranze e, ai datori di lavoro e agli organi ispettivi, di vigilare.
Occorre altresì coinvolgere i medici competenti delle imprese nella valutazione del microclima all’interno del Documento di valutazione dei rischi.
Quello della prevenzione anche sul terreno dell’eccessiva calura rientra nella campagna per arginare la piaga degli infortuni sul lavoro.
CONDIVIDI
fivedabliu.it - testata digitale di notizie, cronaca e libera informazione - icona

Redazione del quotidiano digitale di libera informazione, cronaca e notizie in diretta