Balcani, l’Albania si offre alla Nato come alleato chiave per la stabilità nella regione

Così il premier albanese, Edi Rama, nell’incontro di oggi con Jens Stoltenberg: “Il dialogo con la Serbia è fondamentale per prevenire cattive influenze”

Bruxelles – “Nei Balcani occidentali bisogna prevenire ogni escalation e che le cattive influenze diventino problematiche per la nostra regione” e “occorre mantenere aperto il dialogo con tutti i Paesi, inclusa la Serbia, che non è parte dell’Alleanza” atlantica “ma che è parte della nostra regione”.
Lo ha dichiarato il primo ministro albanese, Edi Rama, dopo l’incontro di oggi con il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg.
“Come Paese candidato all’adesione all’Ue continueremo a ricoprire il nostro ruolo tradizionale nel sostegno della pace, della riconciliazione e della stabilità nella regione”, ha aggiunto Rama rivendicando il peso dell’Albania in quel futuro europeo che il Paese attende da tempo.
Entrata nella Nato nel 2009 con un ruolo marginale, già nel vertice di Madrid di fine giugno Tirana aveva dimostrato di volere un ruolo più attivo nell’Alleanza atlantica, tant’è che aveva dichiarato che erano in atto i colloqui per organizzare una base navale a Porto Romano, a 5 chilometri da Durazzo: un nuovo supporto logistico per le operazioni Nato nel Mediterraneo.

CONDIVIDI

Sono una giornalista con il pallino dell’ambiente e mi piace pensare che l’informazione onesta possa risvegliarci da questa anestesia collettiva che permette a mafiosi e faccendieri di arricchirsi sulle spalle del territorio e della salute dei cittadini.