‘Ndrangheta, processo Rinascita Scott: l’ex parlamentare Pittelli resta ai domiciliari

La Cassazione ha annullato con rinvio l’ordinanza del Tribunale del riesame

Catanzaro – L’avvocato ed ex parlamentare di Forza Italia Giancarlo Pittelli, imputato nel processo “Rinascita Scott” per il reato di concorso esterno in associazione mafiosa, resta ai domiciliari.

La Corte di Cassazione ha infatti deciso l’annullamento, con rinvio a una diversa sezione del Tribunale del riesame di Catanzaro per una nuova pronuncia, dell’ordinanza con cui gli stessi giudici del riesame avevano disposto il ritorno in carcere per l’ex parlamentare.

Nel dicembre del 2021 Pittelli, difeso da Gian Domenico Caiazza, Salvatore Staiano e Guido Contestabile, era tornato in carcere per decisione del Tribunale di Vibo Valentia. Il collegio, presieduto da Gilda Romano, davanti al quale nell’aula bunker di Lamezia Terme si sta celebrando il processo “Rinascita Scott” alle cosche di ‘ndrangheta del Vibonese, aveva accolto la richiesta di aggravare, dai domiciliari al carcere, la misura cautelare cui è sottoposto Pittelli in seguito alla scoperta di una raccomandata che l’avvocato aveva inviato al ministro per il Sud Mara Carfagna, chiedendole di interessarsi della sua vicenda giudiziaria.

La segreteria del Ministro aveva poi inviato la missiva all’ispettorato di Palazzo Chigi che, a sua volta, l’aveva trasmessa alla Squadra mobile di Catanzaro che aveva informato dei fatti la Procura della Repubblica di Catanzaro diretta da Nicola Gratteri.

I magistrati della Dda avevano quindi inviato la raccomandata al Tribunale di Vibo Valentia, chiedendo l’aggravamento della misura cautelare sulla base della tesi che Pittelli aveva violato l’obbligo di non avere alcun rapporto con l’esterno imposto dal regime detentivo ai domiciliari.

Due mesi dopo, lo stesso Tribunale di Vibo, che nel frattempo aveva cambiato composizione a causa dell’assenza per malattia del Presidente,  aveva accolto la richiesta dei difensori di Pittelli ed aveva ripristinato i domiciliari per l’ex parlamentare. Decisione che era stata impugnata dalla Dda di Catanzaro. Ora la decisione della Cassazione che conferma  che l’ex parlamentare potrà rimanere ai domiciliari.

CONDIVIDI
fivedabliu.it - testata digitale di notizie, cronaca e libera informazione - icona

Redazione del quotidiano digitale di libera informazione, cronaca e notizie in diretta