Maltrattamenti contro gli anziani: in manette la direttrice di una struttura sociosanitaria di Catania

Insulti, strattoni, schiaffi e  violenze psicologiche. Una anziana finita all’ospedale con una frattura vertebrale

Catania – La Polizia di Stato, su delega della  Procura Distrettuale della Repubblica di Catania, ha eseguito la misura cautelare degli arresti domiciliari, nei confronti di una 62enne in quanto gravemente indiziata, del reato di maltrattamenti aggravati nei confronti di anziani o di persone con disabilità all’interno di una struttura sociosanitaria dell’hinterland catanese.

L’indagine, condotta dai poliziotti della “Sezione III Reati contro la persona, in danno di minori e reati sessuali”,  che ha consentito al P.M. di richiedere ed ottenere il provvedimento restrittivo, scaturisce da una denuncia sporta da un familiare che aveva avuto modo di apprendere e riscontrare maltrattamenti ai danni di un congiunto al quale i sanitari del pronto soccorso di un nosocomio cittadino diagnosticavano “…frattura vertebrale”, guaribile in 30 giorni.

I successivi approfondimenti investigativi, coordinati dal pool specializzato della Procura, hanno consentito di verificare che la donna, con il ruolo di direttrice all’interno della struttura socio-sanitaria, oltre ad aver maltrattato la vittima, avrebbe posto in essere condotte similari nei confronti di altri anziani sottoposti alla sua autorità ed identificati nel corso dell’ indagine anche grazie a intercettazioni e video.

Dalle investigazioni è emerso che l’indagata avrebbe colpito con schiaffi e spintoni gli ospiti, ricorrendo ad ingiurie, umiliazioni gratuite e finanche alla violenza fisica e allorché qualche anziano ospite, alloggiato nella struttura, osava disubbidire alle regole sarebbe stato punito con il divieto di pranzare con gli altri o gli sarebbe stato imposto di rimanere a letto, senza colazione.

In sostanza, con la sua condotta, l’indagata avrebbe generato uno stato di prostrazione, soggezione e sofferenza nelle persone affidate alle sue cure, particolarmente vulnerabili per età ed anche per la circostanza di essere lontane dai propri familiari.

In un’occasione, dopo che un’anziana faceva ingresso nella cucina della struttura, dirigendosi al lavabo per bere un po’ di acqua, l’indagata avrebbe incominciato a raccogliere con entrambe le mani, usate a mo’ di contenitore, l’acqua corrente, e per ben due volte avrebbe  versato l’acqua, nel frattempo accumulatasi, sulla testa dell’ospite, urlandole contro frasi del seguente tenore “tu sei nata maleducata, tu dici che sei signora, ma non sei stata mai signora tu…Mai!” ed ancora “io ne ho viste femmine maleducate, ma non come a te….c’è il Signore che ci pensa, magari ci pensasse il Signore! Io maleducate ne ho viste, ma non come a te (…) hai tutte le forme di un animale tu… tutte precise, hai tutte le forme di un animale”.

CONDIVIDI
fivedabliu.it - testata digitale di notizie, cronaca e libera informazione - icona

Redazione del quotidiano digitale di libera informazione, cronaca e notizie in diretta