Genova, droga e cellulari nel carcere di Marassi

La Polizia penitenziaria ha bloccato un pacco lanciato da un ex detenuto dall’esterno del carcere

Genova – Sei telefoni cellulari e mezz’etto di sostanza stupefacente sono stati sequestrati nella Casa circondariale di Marassi dal personale di Polizia Penitenziaria dopo una operazione di intelligence coordinata dalla comandante di Reparto, la dirigente Lucrezia Nicolò, e dal vice comandante, il sostituto Commissario Marco Pugliese.

A dare la notizia è Michele Lorenzo, segretario nazionale per la Liguria del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria Sappe.

“I telefoni sono sempre più piccoli e tecnologici ed è molto difficile scoprirli” denuncia il sindacato di polizia che chiede i mezzi per contrastare il progresso tecnologico.

“Il personale ha bloccato la sostanza illecita appena lanciata da un ex detenuto dall’esterno del carcere. Grazie all’alta professionalità dei Baschi Azzurri di Marassi che ancora una volta si e’ riusciti a garantire la sicurezza interna dell’istituto.

Oramai anche il rinvenimento di cellulari, così come le aggressioni al personale, stanno facendo statistica e senza un immediato intervento dell’amministrazione sarà sempre più difficile garantire la legalità e la sicurezza all’interno dei penitenziari italiani.

Il Sappe, in una nota, dichiara che “sulla questione relativa all’utilizzo abusivo di telefoni cellulari e di altra strumentazione tecnologica che può permettere comunicazioni non consentite è ormai indifferibile adottare tutti quegli interventi che mettano in grado la Polizia Penitenziaria di contrastare la rapida innovazione tecnologica e la continua miniaturizzazione degli apparecchi, che risultano sempre meno rilevabili con i normali strumenti di controllo”

CONDIVIDI
fivedabliu.it - testata digitale di notizie, cronaca e libera informazione - icona

Redazione del quotidiano digitale di libera informazione, cronaca e notizie in diretta