‘Ndrangheta, nel blitz di Cosenza finiscono anche un sindaco e due assessori

Nell’inchiesta sono coinvolti anche noti professionisti cosentini

Ci sono i nomi di tre personaggi politici nella maxi operazione della Dda di Catanzaro contro la ‘ndrangheta operativa in provincia di Cosenza che stamattina ha portato all’arresto di 202 persone.
Su tutti prevale il nome dell’attuale sindaco di Rende e presidente di Anci Calabria, Marcello Manna. Con lui sono coinvolti l’assessore ai Lavori pubblici dello stesso comune, Pino Munno, e l’assessore alla manutenzione e al decoro urbano di Cosenza, Francesco De Cicco. Tutti e tre sono agli arresti domiciliari.
Nell’inchiesta sono coinvolti anche noti professionisti cosentini, compreso l’avvocato Paolo Pisani, per lui è scattato il divieto dell’esercizio della professione forense.
Nel mirino della Dda di Catanzaro, guidata da Nicola Gratteri, ci sono i principali clan della ‘ndrangheta del Cosentino.

CONDIVIDI
fivedabliu.it - testata digitale di notizie, cronaca e libera informazione - icona

Redazione del quotidiano digitale di libera informazione, cronaca e notizie in diretta