La regina Elisabetta II sta morendo e con lei il ‘900

Da regina non si muore così, semplicemente. Ci sono rituali, liturgie, protocolli, regole. E l’Inghilterra si sta preparando da tempo al D Day

Fonte: The Guardian, 17 marzo 2017. Puoi leggere l’articolo completo di Sam Knight  qui

Londra – È venerata in tutto il mondo. È sopravvissuta a 12 presidenti degli Stati Uniti. È sinonimo di stabilità e ordine. Ma il suo regno è in subbuglio e i suoi sudditi negano che il suo regno finirà mai. Ecco perché il palazzo ha un piano.

Nei piani che esistono per la morte della Regina – e ci sono molte versioni, in possesso di Buckingham Palace, dal governo e dalla BBC – la maggior parte prevede che morirà dopo una breve malattia.

Ci saranno la sua famiglia e i suoi medici. Quando la Regina Madre morì nel pomeriggio del sabato di Pasqua, nel 2002, alla Royal Lodge di Windsor, ebbe il tempo di telefonare agli amici per salutarli e per regalare alcuni dei suoi cavalli. In queste ultime ore sarà al comando il medico senior della Regina, un gastroenterologo di nome Professor Huw Thomas. Si prenderà cura della sua paziente, controllerà l’accesso alla sua stanza e valuterà quali informazioni dovrebbero essere rese pubbliche. Il legame tra sovrano e sudditi è una cosa strana e per lo più inconoscibile. La vita di una nazione diventa quella di una persona, e allora la corda deve spezzarsi.

Ci saranno bollettini dal palazzo, non molti, ma sufficienti

“La regina soffre di una grande prostrazione fisica, accompagnata da sintomi che causano molta ansia”, annunciò Sir James Reid, il medico della regina Vittoria, due giorni prima della sua morte nel 1901.

“La vita del re sta procedendo pacificamente verso la fine”, è stato l’avviso finale emesso dal medico di Giorgio V, Lord Dawson, alle 21:30 della notte del 20 gennaio 1936. Non molto tempo dopo, Dawson iniettò al Re 750 mg di morfina e un grammo di cocaina – sufficienti per ucciderlo due volte – al fine di alleviare le sofferenze del monarca e farlo morire in tempo per le rotative del Times, che sarebbero partite a mezzanotte.

Quando i suoi occhi saranno chiusi e Carlo sarà Re

I suoi fratelli gli baceranno le mani. Il primo funzionario a occuparsi della notizia sarà Sir Christopher Geidt, segretario privato della Regina, un ex diplomatico a cui è stato conferito un secondo cavalierato nel 2014, in parte per aver pianificato la sua successione.

Sir Christopher Edward Wollaston MacKenzie Geidt, barone Geidt contatterà il primo ministro. L’ultima volta che un monarca britannico morì, 65 anni fa, la scomparsa di Giorgio VI fu comunicata con una parola in codice, “Hyde Park Corner”, a Buckingham Palace, per impedire agli operatori di centralino di scoprirlo.

Per Elisabetta II, il piano per ciò che accadrà dopo è noto come “London Bridge”

Il primo ministro verrà svegliato, se non è già sveglio, e i dipendenti pubblici diranno: “Il ponte di Londra è caduto” in sicurezza. Dal Global Response Center del Foreign Office, in una località segreta della capitale, la notizia passerà ai 15 governi al di fuori del Regno Unito, dove la regina è anche il capo di stato, e alle altre 36 nazioni del Commonwealth per le quali ha servito come prestanome simbolico – un volto familiare nei sogni e nei disegni disordinati di un miliardo di scolari – sin dagli albori dell’era atomica.

L’informazione viaggerà come l’onda di compressione prima di un terremoto, rilevabile solo da apparecchiature speciali. I governatori generali, gli ambasciatori e i primi ministri impareranno per primi. Gli armadi verranno aperti alla ricerca di bracciali neri, larghi tre pollici e un quarto, da indossare sul braccio sinistro.

Il 6 febbraio 1952, Giorgio VI fu trovato dal suo cameriere a Sandringham alle 7:30. La BBC non ha trasmesso il telegiornale fino alle 11:15, quasi quattro ore dopo. Quando la principessa Diana morì alle 4 del mattino ora locale all’ospedale Pitié-Salpêtrière di Parigi il 31 agosto 1997, i giornalisti che accompagnavano l’ex ministro degli esteri, Robin Cook, in visita nelle Filippine lo hanno saputo entro 15 minuti. Per molti anni la BBC è stata la prima ad essere informata sulla morte dei reali, ma ora il suo monopolio è svanito.

Quando la regina morirà, l’annuncio uscirà contemporaneamente come notiziario alla Press Association e al resto dei media del mondo. Nello stesso istante, un lacchè in abiti da lutto uscirà da una porta di Buckingham Palace, attraverserà la ghiaia rosa opaco e appunterà un avviso bordato di nero ai cancelli. Mentre lo farà, il sito web del palazzo verrà trasformato in una cupa pagina singola, che mostrerà lo stesso testo su uno sfondo scuro.

Gli schermi si illumineranno. Ci saranno tweet. Alla BBC verrà attivato il “sistema di trasmissione degli allarmi radio” (Rats), un allarme dell’era della guerra fredda progettato per resistere a un attacco alle infrastrutture della nazione. Rats, che a volte viene anche definito “royal about to snuff it”, è una parte quasi mitica dell’intricata architettura di rituali e prove per la morte delle principali personalità reali, che la BBC ha mantenuto dagli anni ’30.

La maggior parte del personale l’ha visto funzionare solo nei test. “Ogni volta che c’è uno strano rumore in redazione, qualcuno chiede sempre: ‘Sono i topi?’ Perché non sappiamo come suona”.

Tutte le testate giornalistiche si affretteranno a mandare in onda film e necrologi online

Al Guardian, il vicedirettore ha un elenco di storie preparate appese al muro. Si dice che il Times abbia 11 giorni di copertura pronti per l’uso. A Sky News e ITN, che da anni provano la morte della Regina sostituendo il nome “Mrs Robinson”, le chiamate andranno a esperti reali che hanno già firmato contratti per parlare esclusivamente su quei canali. “Sarò seduto fuori dalle porte dell’Abbazia su un tavolo a cavalletto enormemente allargato a commentare l’evento per 300 milioni di americani”, mi ha detto un giornalista.

Per le persone bloccate nel traffico o con Heart FM in sottofondo, all’inizio ci saranno solo le più sottili indicazioni che qualcosa sta succedendo. Le stazioni radio commerciali britanniche hanno una rete di “luci obit” (luci da necrologio) blu, che viene testata una volta alla settimana e dovrebbe accendersi in caso di catastrofe nazionale.

Quando la notizia arriva, queste luci inizieranno a lampeggiare, per avvisare i DJ di passare alle notizie nei prossimi minuti e di riprodurre musica “adatta” nel frattempo. Ogni stazione, fino alla radio dell’ospedale, ha preparato liste musicali composte da canzoni “Mood 2” (triste) o “Mood 1” (più tristi) da raggiungere nei momenti di lutto improvviso.
“Se mai ascolti Haunted Dancehall (Nursery Remix) di Sabres of Paradise su Radio 1 di giorno, accendi la TV”, ha scritto Chris Price, un produttore radiofonico della BBC, per l’Huffington Post nel 2011. “È appena successo qualcosa di terribile”.

Fonte: The Guardian, 17 marzo 2017. Puoi leggere l’articolo completo di Sam Knight  qui

CONDIVIDI
fivedabliu.it - testata digitale di notizie, cronaca e libera informazione - icona

Redazione del quotidiano digitale di libera informazione, cronaca e notizie in diretta