Alluvione nelle Marche, parla l’ex commissario per il terremoto: “Un disastro annunciato”

I Vigili del Fuoco, proseguono le ricerche dei tre dispersi, due a Barbara e uno a Fabriano

 Ancona – “Quel che è successo non è stato un evento straordinario, e la sfortuna non c’entra”.  A dirlo è Piero Farabollini, ex commissario per il terremoto nelle Marche, sottolineando che dal 2014, dopo le alluvioni a Senigallia, è stato fatto poco.

Farabolini, che è anche presidente dei geologi marchigiani, ha poi aggiunto che certi fenomeni non possono essere considerati eccezionali e fanno parte della nostra normalità”.  E la ricetta per evitare vittime e danni è sempre la stessa, tenere puliti i letti dei fiumi, non costruire nelle zone alluvionali, alzare gli argini.
Anche Mario Tozzi, geologo noto per i suoi programmi televisivi, è dell’opinione che il cambiamento climatico vada gestito per evitare i disastri come quello marchigiano.

“Dobbiamo aspettarci fenomeni così anche fuori stagione e bisogna spostarsi dalel zone pericolose e rinaturalizzare il territorio. All’alba del XXI secolo le catastrofi naturali non esistono più, esistono gli eventi naturali che diventano catastrofici solo per causa nostra”.

Intanto a Pianello, una delle frazioni più colpite, gli abitanti cercano di salvare il salvabile nelle case e rendere percorribili le strade.

Sono 400 i vigili del fuoco al lavoro che hanno portato a termine più di 400 interventi per mettere in sicurezza le abitazioni e rimuovere i detriti. Conclusa già ieri sera l’operazione di rimozione dei tronchi sotto il ponte della ferrovia a Senigallia e alle 2.20 è stata riaperta la linea ferroviaria . Proseguono le ricerche dei tre dispersi, due a Barbara e uno a Fabriano, in provincia di Ancona.

CONDIVIDI
fivedabliu.it - testata digitale di notizie, cronaca e libera informazione - icona

Redazione del quotidiano digitale di libera informazione, cronaca e notizie in diretta