Filcams, domani sciopero contro il licenziamento del magazziniere di Baluardo Spa

La causa del licenziamento è il trasferimento del magazzino da Campi a quello di Synlab Med in Toscana

Genova – Lunedì 19 settembre a partire dalle ore 9 sarà effettuato un presidio di protesta del personale del Baluardo Spa, contro la decisione di licenziare il magazziniere.

La notizia del licenziamento era stata resa pubblica lo scorso luglio quando la Filcams Cgil aveva denunciato in una nota quanto stava accadendo. Il Baluardo Spa Gruppo Synlab Italia, a seguito di un processo riorganizzativo che vede le attività del magazzino di Campi trasferite al magazzino di Synlab Med in Toscana, ha deciso di licenziare il magazziniere.

Per Filcams Cgil è difficile comprendere come, una Azienda come Synlab Italia, che vanta un fatturato di oltre 300 milioni di euro, più di 35 milioni di analisi effettuate ogni anno, 1,5 milioni di prestazioni poliambulatoriali e imaging all’anno, 1.800 dipendenti, 1.800 liberi professionisti, 170 operatori di logistica, non riesca a ricollocare un solo lavoratore in una posizione alternativa. Nonostante il recente incontro in Prefettura e il parere favorevole al reintegro da parte della Direzione dell’Ispettorato del lavoro, incontro durante il quale l’Azienda si era impegnata a rivedere le proprie posizioni, la Synlab è andata avanti e ha formalizzato il licenziamento con data retroattiva.

Filcams Cgil di Genova ha dichiarato lo sciopero di tutto il personale del Baluardo spa e Baluardo servizi sanitari per tutta la giornata di lunedì 19 settembre con presidio a partire dalle ore 9 davanti al Baluardo del Porto Antico.

CONDIVIDI
fivedabliu.it - testata digitale di notizie, cronaca e libera informazione - icona

Redazione del quotidiano digitale di libera informazione, cronaca e notizie in diretta