Lavoro in Liguria, aumentano le assunzioni ma l’82 % dei contratti è precario

L’unico lavoro “vero” è quello a tempo indeterminato con le garanzie di legge. Quello che ti permette, senza tanti problemi,  di fare un mutuo in banca per comprare casa

Genova –  Nel 1° semestre 2022 le assunzioni da lavoro dipendente in Liguria toccano il livello più alto dal 2014 con 118.800 nuovi rapporti attivati. E’ quanto emerge dalle elaborazioni dell’Ufficio Economico Cgil Genova e Liguria sui dati Inps dell’Osservatorio sul precariato nella nostra regione “Purtroppo non ci si può lasciare andare a facili ottimismi,  sottolinea Maurizio Calà Segretario Generale Cgil Liguria, i tre quarti delle assunzioni sono composte da lavoro precario.

Secondo i dati infatti in Liguria solo il 12% delle nuove assunzioni è a tempo indeterminato percentuale che arriva al 17% se si include anche l’apprendistato, quindi, i rapporti precari  rappresentano ben l’83% del totale. Le assunzioni con presenza di part-time rappresentano il 36% del totale delle nuove attivazioni di contratto in Liguria. I contratti stagionali rappresentano il 17,7% del totale delle assunzioni in Liguria (cioè più della somma di contratti a tempo indeterminato).

Il 57 per cento delle assunzioni riguarda il genere maschile (67.583 su 118.800) e il 43 per cento ha una età compresa tra i 30 e i 50 anni e si tratta in prevalenza di italiani (70%). Per quando riguarda i settori, commercio, trasporto e magazzinaggio, alloggio e ristorazione rappresentano quasi il 40% di tutte le nuove assunzioni. Da collegare alla fine del lock down e alla ripresa della vita sociale il balzo delle assunzioni nelle attività di intrattenimento, divertimento, ed artistiche che crescono quasi del 60% sul 2021.

 

CONDIVIDI
fivedabliu.it - testata digitale di notizie, cronaca e libera informazione - icona

Redazione del quotidiano digitale di libera informazione, cronaca e notizie in diretta