Reggio Calabria: non ci sono abbastanza prove, assolti Domenico e Antonino Fotia dall’accusa di danneggiamento

L’accusa era di aver danneggiato a colpi di fucile a pallettoni il cancello dell’abitazione di Russo “u Massaru”

Reggio Calabria –  Il Tribunale di Reggio Calabria ha assolto “perchè il fatto non sussiste” Domenico Fotia, 62 anni, e il figlio Antonino, di 32 anni, dall’accusa di estorsione e di avere danneggiato con numerosi colpi di fucile caricato a pallettoni il cancello d’ingresso ed un camion parcheggiato nel cortile dell’abitazione di proprietà di Francesco Russo “u Massaru”, esponente di spicco della ndrangheta aspromontana.

L’episodio era stato inquadrato dagli inquirenti come effetto della mancata spartizione dell’attività di taglio dei boschi dell’Aspromonte, che vedevano contrapposte le due famiglie, ritenute vicine alla cosca Serraino. Infatti, Francesco Russo e Domenico Fotia sono stati condannati, il primo grado, nel processo “Epilogo”, ed il secondo nel processo “Olimpia”, perchè appartenenti alla cosca Serraino. L’attentato ai Russo aveva destato allarme negli inquirenti per il pericolo di una guerra intestina al clan dei Serraino, tra i più noti nel panorama della ndrangheta calabrese. Il Tribunale di Reggio Calabria, a conclusione di una lunga fase istruttoria, ha assolto i Fotia dall’accusa originaria, accogliendo la richiesta del difensore Giuseppe Nardo e dello stesso, pubblico ministero Walter Ignazitto, per carenza di prove.

CONDIVIDI
fivedabliu.it - testata digitale di notizie, cronaca e libera informazione - icona

Redazione del quotidiano digitale di libera informazione, cronaca e notizie in diretta