Kosovo: sparatoria a Zubin Potok, sale la tensione

Gli spari sono avvenuti non lontano da una pattuglia della forza Nato ma non ci sono feriti

Pristina – Le armi nei Balcani non sono mai mancate, anzi, hanno rappresentato per anni un florido affare per le organizzazioni criminali che nella regione trovano acquirenti facoltosi. Che dalle barricate nel nord del Kosovo si passasse ai colpi di arma da fuoco non è di per sé una notizia eclatante ma la notizia della sparatoria, la cui origine e natura restano poco chiare, ha contribuito a far crescere ulteriormente la tensione interetnica nel nord del Kosovo, dove la protesta dei serbi con blocchi stradali e barricate sta creando seri problemi ai trasporti e al sistema di comunicazione.

Notte tranquilla a Zubin Potok

È trascorsa tranquilla ma con accresciuta tensione la notte a Zubin Potok e  Kfor, ha confermato che gli spari sono avvenuti non lontano da una propria postazione, sottolineando tuttavia che essi non erano diretti contro i suoi militari dispiegati nella regione per il monitoraggio della situazione. Le indagini sono in corso da parte della polizia locale e delle autorità di Pristina per far luce sull’episodio, che ha suscitato grande allarme. Dopo che il premier kosovaro Albin Kurti ha definito nei giorni scorsi non più tollerabili le barricate, il presidente serbo Aleksandar Vucic ha avuto ieri sera un consulto con la premier Ana Brnabic e i vertici militari.

Mettere fine ai blocchi stradali

Il capo di stato maggiore serbo, generale Milan Mojsilovic, definendo la situazione molto complessa, si è recato a ridosso del confine con il Kosovo assicurando che l’Esercito adempirà in pieno ai compiti assegnatigli, senza fornire tuttavia particolari. Da parte loro, gli ambasciatori a Belgrado dei Paesi del Quint – Usa, Germania, Francia, Gran Bretagna, Italia – hanno chiesto al presidente Vucic di intervenire perchè venga posto fine rapidamente a blocchi stradali e barricate, una situazione che si protrae da 17 giorni e che condiziona pesantemente il sistema di trasporti e comunicazioni nel nord del Kosovo.

La locale popolazione serba protesta contro l’arresto ritenuto ingiustificato di tre serbi, due dei quali ex agenti dimissionari della polizia kosovari, e per la presenza nel nord di ingenti forze della polizia speciale inviate da Pristina per rafforzare la lotta a corruzione e criminalità.

 

CONDIVIDI
fivedabliu.it - testata digitale di notizie, cronaca e libera informazione - icona

Redazione del quotidiano digitale di libera informazione, cronaca e notizie in diretta