Chiamami Genova, De Magistris: “Mi auguro si possa iniziare un cammino insieme”

Genova – “Napoli è una città autonoma, con un Sindaco che gira per la città, tra la gente. Questo ha creato un nuovo equilibrio, ora a Napoli il potere forte è il popolo. Sono qui a Genova per sostenere Putti che si candida per lanciare una sfida, perché ha coraggio”.
Così Luigi De Magistris, Sindaco di Napoli al secondo mandato, esprime il suo appoggio a Paolo Putti, candidato Sindaco di Chiamami Genova, ieri in conferenza stampa al Mentelocale di via Garibaldi.

Il suo ragionamento politico è evidente: “Fare il sindaco è difficile, devi avere coraggio e quando ti trovi da solo il coraggio non si compra al mercato. In Italia non esiste la questione meridionale, esiste una questione nazionale che è la corruzione. Ho governato Napoli avendo tutti contro, i poteri finanziari, i poteri mediatici, la camorra dei colletti bianchi, i governi centrali e i governi regionali, senza arretrare di un centimetro”.
E poi aggiunge: “Se non avessi amato Napoli non sarei arrivato qui. Sono l’unico sindaco che non ha privatizzato l’acqua. Perché? Perché è difficile, e in genere fanno tutti solo comizi sui social”.

Contano i principi. Parlare di sinistra senza agire come un Sindaco di sinistra, non ha senso. E infatti De Magistris precisa: “Noi facciamo cose di sinistra e vogliamo far riacquistare credibilità a questa parola. Molti mi dicono che ho violato delle leggi ma non è vero. Noi abbiamo aderito alla Costituzione e abbiamo interpretato la legge ordinaria di conseguenza, per aiutare gli ultimi, perché è compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli che limitano la libertà e l’eguaglianza tra i cittadini. Perché esiste una gerarchia delle fonti e prima della legalità formale c’è la Costituzione”.

Nel corso dell’incontro, Putti ha consegnato il programma di Chiamami Genova a De Magistris, che si è detto fiducioso “che si possa iniziare un cammino insieme. Riprendiamoci le nostre valli, le nostre città, i nostri mari, i nostri monumenti. Si può fare, bisogna crederci e lottare. Quello che è accaduto a Napoli sta cominciando a girare in altre città. Se hai passione diventi fuori controllo e allora non riescono a fermarti”.

Simona Tarzia

CONDIVIDI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.