Centro Sinistra in cerca di identità

IL CENTRO SINISTRA DOPO IL VOTO: LA PAROLA A CRIVELLO E QUARANTA

Genova – “Gli elettori hanno sempre ragione e quando si perde, si perde”.
Gianni Crivello apre così l’incontro di ieri, alla sala Cap di via Albertazzi, con la coalizione che lo ha sostenuto.

Dopo il terremoto politico delle ultime amministrative, è tempo per il Centro Sinistra di superare la crisi di identità e serrare i ranghi: “Il 9,47% – continua – è un dato tutt’altro che irrisorio. Ripartiamo da questo: 1 genovese su 5 ha votato crivello”.
Poi passa al futuro del Partito Democratico: “A me sta molto a cuore il futuro del PD e vorrei evitare polemiche deleterie. Certo è che si evincono critiche forti nei confronti del segretario nazionale, Renzi”. E, infatti, c’è chi interviene sottolineando come, durante la campagna elettorale, non fosse raro sentirsi dire: “Se lei è di quel partito, il PD, il volantino non lo prendo”. 

Non sarebbe ora di prendere le distanze? O il Centro Sinistra vuole continuare a navigare di cabotaggio, con quelle alleanze che lo hanno portato alla sconfitta?
Perché il Partito Democratico non arriverà intero alla sfida elettorale del 2018.

Simona Tarzia

Potrebbe interessarti anche:

Genova dopo il voto. L’analisi di Gianni Crivello