L’invenzione della razza

Camogli, Festival della Comunicazione 2017 “Siamo una specie di migranti, noi generazioni di Sapiens, e quello che sta succedendo adesso non è che l’ultimo stadio di un processo che dura da milioni di anni e rispetto al quale le risposte che dobbiamo cercare non sono di natura biologica ma sociale”.
Non ha dubbi Guido Barbujani, genetista e scrittore, sul fatto che l’uomo debba imparare il messaggio dell’evoluzione: “Non ci sono razze ma solo sfumature. Classificare l’umanità in razze è una costruzione arbitraria, un’etichetta. L’umanità condivide il 99,9% del DNA”.
E aggiunge:“I nostri comuni diritti civili ci arrivano non perché siamo tutti uguali, ma perché siamo tutti umani”.

Il concetto è semplice eppure, in un mondo dove la razza è tornata molto di moda, conviene ripetersi: “Le differenze tra gli umani non sono legate al DNA e dunque insanabili, sono legate alla cultura e perciò negoziabili”.
Non solo,  il genetista non perde l’occasione per commentare il grande inganno della diversità: “Possiamo affermare seriamente che siamo tutti africani e che da lì veniamo”.

A questo punto si aggiunge un altro interrogativo: come la prenderà Salvini?

Simona Tarzia

CONDIVIDI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: