Laura Boldrini querela Alberto Campanella

Genova – Gli scontri duri, tra partiti, ci sono sempre stati. Basta consultare un qualsiasi testo di comunicazione politica o guardare al funzionamento del “Sistema Propaganda” dal primo dopoguerra alla tanto vituperata Prima repubblica, e si riscoprono campagne elettorali senza esclusione di colpi. Poi, finita la consultazione e occupati i banchi guadagnati, si cominciava a far politica sul serio. I
lAl contrario di oggi che, con i politici in perenne campagna elettorale, gli insulti sono all’ordine del giorno e trasformano i sostenitori in tifosi, i politici in commercianti di sogni e distributori di insulti. Si è totalmente perso il rispetto per i luoghi e i ruoli istituzionali che imporrebbero comportamenti e linguaggi consoni.  Vi offriamo uno di questi momenti di “politica alta” che preferiremmo si trasformasse in “politica altra” rispetto a quella a cui siamo costretti tutti i giorni e non solo nei Consigli Comunali.

Precisiamo, per dovere di cronaca, che il signor No Ni che ha gravemente insultato la signora Campanella non è reperibile su Fb. Ma siamo certi che la Polizia Postale risalirà comunque al proprietario del profilo…

fp