Un catino per amico. Convivere con le infiltrazioni nelle case A.R.T.E. di via Toscanelli

Genova – Un altro inverno a combattere con l’acqua in casa, i soffitti che gocciolano e le pareti che trasudano umidità.
È una situazione difficile quella delle palazzine di via Toscanelli, a Sestri Ponente, dove gli inquilini patiscono ormai da tempo pesanti infiltrazioni dal tetto e dai balconi e muffe diffuse negli appartamenti.
Una condizione di disagio segnalata più volte ad A.R.T.E., proprietaria degli immobili, ma che non ha ancora trovato una risposta.

“Sono anni che denuncio agli uffici, che vengono a fare delle foto, ma poi non prendono nessun provvedimento”, racconta Patrizia che abita all’ultimo piano e subisce i disagi maggiori. 
“Pensate che l’ultima copertura che hanno fatto, in alcuni punti del tetto, quasi non esiste più”, ci spiega mentre facciamo il giro delle stanze e poi si sfoga: “In camera non posso andare a dormire perché piove, in cameretta c’è la muffa. Mi tocca dormire in cucina, sul divanetto”.

La signora Patrizia

La signora Grazia

Una scomodità, quella delle infiltrazioni, che si ripete per i civici dal numero 88 al 94 e non solo nel sottotetto.

Se i fastidi maggiori sono segnalati nei piani alti, infatti, anche negli appartamenti sottostanti le famiglie sono costrette a usare i catini per raccogliere l’acqua.

“L’acqua entra dal balcone e crea spaccature e avvallamenti nell’intonaco. Sono stato costretto a mettere una bacinella perché si riempie d’acqua completamente e non le dico l’odore”, precisa Giuseppe che lamenta anche una grave lentezza di A.R.T.E.: “Mi hanno detto che avrebbero fatto un sopralluogo, poi è venuto velocemente un operaio a dirmi che avrebbero fatto un intervento dalla signora di sopra… Non ho più saputo nulla e sono circa sei anni che ho questi problemi“.

Insomma, una vita impossibile e nessuno che ascolta.

Simona Tarzia

Il signor Giuseppe