Sversamento Iplom, l’azienda patteggia. Una buona notizia per il Comitato di Borzoli e Fegino

Sversamento del 2016: ex direttore dell’impianto condannato a 1 anno e a una multa da 5.000 euro

Genova – Iplom patteggia per lo sversamento dell’aprile 2016, quando 700 mila litri di petrolio finirono nei rii Pianego e Fegino.
L’entità delle condanne e le multe restano però poca cosa in confronto al danno ambientale causato.
E infatti, nonostante le molte criticità dell’impianto note a tutti già dal 2010, l’azienda non fece interventi tempestivi per evitare possibili incidenti.

Anche per questo l’allora direttore dell’impianto, Vincenzo Columbo, è stato accusato di inquinamento ambientale colposo e illecito amministrativo e condannato a 1 anno, pena sospesa per la condizionale, e al pagamento di  una multa da 5.000 euro.
L’azienda è stata condannata a pagare una sanzione di 150 mila euro sommati ad altri 150 mila soggetti a confisca.

Ma forse la parte più interessante di questa sentenza è che apre uno scenario decisamente positivo per i cittadini del Comitato di Borzoli e Fegino il cui avvocato, Valentina Antonini sentita da Fivedabliu, si è dichiarata soddisfatta della pronuncia dei giudici perché ora i cittadini di Fegino  potranno richiedere i danni in sede civile avvalendosi di una pregressa sentenza di colpevolezza dell’azienda in sede penale. Naturalmente la decisione è subordinata alla lettura delle motivazioni della sentenza, tra qualche mese.

fp

CONDIVIDI
Fabio Palli

Spirito libero con un pessimo carattere. Fotoreporter in teatro operativo, ho lavorato nella ex Jugoslavia, in Libano e nella Striscia di Gaza. Mi occupo di inchieste sulle mafie e di geopolitica.