25 aprile, Crivello punzecchia Bucci: dov’è finita la parola antifascismo?

“È un termine che se avessi sentito più volte oggi sarei stato più contento”

Genova – “Negli ultimi anni la protesta c’è sempre stata e può rappresentare anche un elemento di democrazia, dopodiché c’è protesta e protesta. Io credo, e l’ho detto anche alle forze dell’ordine, che evitando naturalmente scontri fisici che avrebbero contribuito a deteriorare questo splendido giorno, forse avrebbero almeno dovuto impedire l’utilizzo di un megafono”.
Commenta così la contestazione di Mattia Crucioli in piazza Matteotti Gianni Crivello, capogruppo della lista Crivello in Consiglio comunale e candidato per Articolo 1 all’interno del campo progressista che sostiene la corsa a Tursi di Ariel Dello Strologo.
E aggiunge: “Ho partecipato a tutte le manifestazioni sui territori e il clima è assolutamente unitario, quello di chi vuole nella memoria guardare in avanti, consolidare e rafforzare i valori del dell’antifascismo”. Quindi conclude con una frecciatina all’amministrazione Bucci: “Ecco antifascismo è un termine che se avessi sentito più volte oggi sarei stato più contento”.

st

CONDIVIDI

Sono una giornalista con il pallino dell’ambiente e mi piace pensare che l’informazione onesta possa risvegliarci da questa anestesia collettiva che permette a mafiosi e faccendieri di arricchirsi sulle spalle del territorio e della salute dei cittadini.