“Presenteremo un esposto per apologia del fascismo”. Così i consiglieri M5S contro il presidente del Muncipio Levante, Carleo

Genova – Dopo le polemiche suscitate dal Presidente del Municipio Medio Levante, Francesco Vesco, che nel marzo scorso aveva sospeso i contributi per le corone d’alloro alla memoria dei partigiani genovesi, oggi a finire nel mirino è  Francescantonio Carleo.
Il Presidente del Municipio Levante, infatti, con i suoi post celebrativi di Mussolini pubblicati sui social è accusato di “ferire la resistenza” dai consiglieri comunali M5S, che chiedono l’intervento della Procura per apologia del fascismo in rete.

Alle porte del 25 Aprile non è accettabile che il presidente del Municipio Levante Francesco Carleo, di Fratelli d’Italia, pubblichi post che commemorino carnefici e dissacratori della democrazia – dichiarano infatti i pentastellati -. La nostra Costituzione parla chiaro poiché nata proprio dalle sofferenze inflitte agli italiani dal fascismo e dal Duce Benito Mussolini. L’esposto alla Procura che depositeremo farà chiarezza una volta per tutte e speriamo possa porre fine a queste azioni infami che riaprono ferite profonde che non vanno sminuite o dimenticate”.

AGGIORNAMENTO
17 maggio 2019 – Il Sostituto Procuratore, Giuseppe Longo, ha aperto un fascicolo per apologia del fascismo nei confronti del presidente del Municipio IX Levante, Francescantonio Carleo, eletto con Fratelli d’Italia.

Potrebbe interessarti anche:

25 aprile 2019: per il Municipio Medio Levante la memoria non vale la spesa