Scadenza del contratto di servizio del Trasporto Pubblico, la denuncia di Pirondini (M5S): “Il ricorso contro Autoguidovie è in ritardo di un anno e mezzo”

Genova“Le promesse elettorali sull’affidamento in house dell’azienda di trasporto pubblico ATP   Esercizio continuano ad essere disattese e anzi, dopo la fusione mancata tra ATP e AMT a causa del diniego del socio privato di ATP, ovvero Autoguidovie,  la prospettiva di una gara pubblica per l’affidamento di ATP si fa sempre più concreta”. 

Questa la denuncia di Luca Pirondini che oggi pomeriggio, in Sala Rossa, ha presentato un’interrogazione a risposta immediata sullo stato del ricorso contro la cessione di quote di ATP Srl ad Autoguidovie da parte di SMC, cessionesulla quale si è espressa anche l’Autorità nazionale anticorruzione che in una sentenza di indirizzo del 2017 ha chiaramente affermato come  la vendita diretta di quote sociali in assenza di procedura ad evidenza pubblica non sia conforme ai principi di trasparenza, imparzialità e concorrenza, che devono ispirare anche le società a partecipazione pubblica”, continua Pirondini.

Oggi veniamo a sapere che il ricorso contro la cessione di quote da parte di SMC ad Autoguidovie è stato fatto soltanto quest’anno, con un anno e mezzo di ritardo rispetto alla posizione presa da ANAC, e a ridosso della scadenza del contratto di servizio. Riteniamo questo ritardo una grave mancanza amministrativa che mette a rischio il programma di affidamento in house di ATP”.

Non solo.
Precisa ancora Pirondini: Ci preoccupa molto anche la risposta che abbiamo ricevuto relativamente alla proroga del contratto di servizio, in scadenza il 3 dicembre, e per la quale gli atti necessari sono in fase di predisposizione.  Un ritardo che mette in allarme i centinaia di lavoratori di ATP che a due settimane dalla scadenza del contratto di servizio non possono conoscere il futuro dell’azienda. In assenza della proroga del contratto di servizio, infatti, ATP si troverebbe a doversi confrontare in una gara pubblica dall’esito molto incerto e che potrebbe mettere a rischio posti di lavoro, qualità del servizio e funzione sociale dello stesso”, conclude Pirondini.

Potrebbe interessarti anche

Fusione AMT-ATP: i dubbi sull’accordo sindacale